25 settembre 2017
Aggiornato 15:30
Biella

«Elezioni nazionali? Non cerco poltrone: non sono un candidato»

Giovanni Rinaldi del Movimento 5 Stelle ragiona sulle prossime consultazioni: sarą una scelta democratica del movimento, a differenza di quello che fa il Pd

BIELLA - Giovanni Rinaldi non si candida. Il consigliere comunale in città per il Movimento 5 Stelle lo dice chiaro e tondo, a prescindere dal regolamento del movimento, che non contempla la possibilità di correre per un incarico politico mentre già si occupa una poltrona, in questo caso appunto a Palazzo Oropa nelle file della minoranza alla giunta di Marco Cavicchioli. Insomma quanto succede sotto il Mucrone in vista delle prossime probabili consulazioni nazionali non pare proprio interessare al politico e avvocato biellese, in questo momento unica figura alla ribalta, visti gli impegni familiari di Antonella Buscaglia, un po' scomparsa dai radar della politica locale (anche lei consigliere comunale.

LE SUE PAROLE - «Vedo partiti, e mi riferisco al Pd, dove in molti si autocandidano - dice, in sintesi -. Da noi non funziona così. Deciderà il movimento, attraverso sistemi democratici. Ma non c'è fretta. Da settembre riprenderanno gli incontri con volontari e attivisti. E si valuterà tutti insieme. Per ora a noi interessa quello che accade in città, non inseguire poltrone o incarichi che certo possono anche essere molto remunerativi e quindi gare gola a molti».

AUTUNNO CALDO - «In città potrebbero esserci molte novità importanti, nelle prossime settimane... Diciamo a settembre - dice il politico nonché avvocato, da tempo impegnato professionalmente contro alcuni meccanismi di selezione della burocrazia di enti pubblici -. Ma non voglio anticipare niente. Aspettiamo informazioni ufficiali, credo in autunno».