24 novembre 2017
Aggiornato 21:30
Valle Cervo

«Io sindaco straniero a Rosazza, ecco cosa ho fatto e cosa penso del futuro del paese e della valle»

Francesca Delmastro traccia un bilancio del suo mandato da primo cittadino, tra ipotesi si fusione e progetti che coinvolgono tutta la valle

ROSAZZA - «Dicono che i valligiani siano persone chiuse. Invece hanno votato una persona, di fatto, proveniente dall'esterno del paese. Cosa ho imparato, finora? L'amore di queste persone per la loro terra. Un amore testardo». E' questo in sintesi il pensiero di Francesca Delmastro, sindaco da poco più di un anno del piccolo comune della Valle Cervo. «Una perla, forse tre le perle della valle - aggiunge -. Per sopravvivere penso ad un accorpmento o ad una fusione, come ente comunale. In termini di paese, invece, penso a progetti e valorizzazioni a livello di intera valle Cervo. Da soli, non credo che ce la possiamo fare».