13 novembre 2018
Aggiornato 03:30

«Riva? Un quartiere meraviglioso»

Roberto Ramella parla della sua mostra fotografica, visitabile nello Spazio Cultura della Fondazione Crb. L'elogio dell'ex sindaco Gentile

BIELLA - Riva come non l’avete mai vista: si potrebbe sintetizzare così il nuovo emozionante viaggio fotografico proposto dal fotografo Roberto Ramella in collaborazione con l’Ente Manifestazioni Biella Riva e la parrocchia di San Cassiano. Il progetto è diventato una mostra (e un libro) visitabile nello Spazio Cultura della Fondazione Cassa di Risparmio

LE PAROLE«Il lavoro, nato quasi per caso su ispirazione dell’associazione, mi ha visto impegnato in un percorso durato circa tre anni che attraverso le stagioni mi ha portato, scatto dopo scatto alla scoperta di luoghi che solo apparentemente credevo di conoscere, ma che in realtà si sono schiusi di fronte ai miei occhi con il procedere di un percorso personale – spiega Ramella – Non so dire il mio stupore, la mia meraviglia di fronte a tanta bellezza e tanta storia».

LA MOSTRA - E davvero la meraviglia è il sentimento che domina di fronte ad immagini che ritraggono paesaggi urbani, natura e architettura restituendo ai biellesi luoghi antichi visti per la prima volta con occhi nuovi. La tecnica e la sensibilità artistica di Roberto Ramella poi fanno il resto spingendoci a domandarci se i luoghi fermati dagli scatti siano davvero Riva o non piuttosto qualche avveniristica periferia urbana immortalata da un grande nome della fotografia contemporanea. Un lavoro appassionante dunque che il fotografo dedica a «far crescere l’amore nei Biellesi per un quartiere (e i suoi abitanti) che tanto ha dato nel passato e ancora può dare negli anni a venire».

IL LIBRO - Il libro "Riva - Un paese dentro la città", formato 20 x 32 cm con copertina rigida e sovra-copertina, contiene 50 immagini in bianco e nero, provenienti da scatti in negativo, stampati in bicromia con patinatura lucida, accompagnati da didascalie che ne descrivono i luoghi o ne tratteggiano in modo poetico l'immagine. L'introduzione storica è di Graziana Bolengo, già direttrice dell'Archivio di Stato di Biella, mentre i testi introduttivi sono di Nicoletta Feroleto, graphic designer e illustratrice, del parroco di San Cassiano don Pietro Grosso e del presidente dell'Ente Manifestazioni Biella Riva Paolo Robazza. I proventi della vendita del libro saranno devoluti per il restauro conservativo di alcune opere all’interno della chiesa di San Cassiano che ha da poco celebrato il centenario della propria elevazione a Parrocchia.

TAGLIO DEL NASTRO - Dopo l’inaugurazione di venerdì 12 gennaio nella sala convegni della Fondazione CR Biella in via Garibaldi 17 la mostra resterà aperta fino al 18 febbraio con i seguenti orari lunedì - venerdì 10.30-12.30 e 16.00-17.30 / sabato e domenica 16-19.
 
L'AUTORE - Roberto Ramella nasce il 6 dicembre 1964 a Biella. Attratto dall'arte fotografica, inizia giovanissimo la sua esperienza come stampatore in un laboratorio, dove apprenderà a stampare con ingranditore. Dopo molteplici esperienze nelle varie discipline fotografiche, tra cui la fotografia giornalistica, approda al ritratto in bianco e nero, grazie anche a maestri come Luciano Monti, conservando l'utilizzo del negativo e della stampa a mano sia per i lavori su commissione che per le mostre personali.