15 agosto 2018
Aggiornato 17:00

Stefano Minola: «Nada e Paola Maugeri saranno a Biella perchè abbiamo lavorato in sinergia»

Il titolare dello storico Cigna Dischi ci ha spiegato quali saranno le sorprese della rassegna Microsolchi 2018 e perchè fare rete è la ricetta per la buona riuscita di un grande eventi a Biella

BIELLA – Un'edizione tutta al femminile quella di Microsolchi 2018 che sarà piena di sorprese a cominciare dalle grandi ospiti che arriveranno in città: Paola Maugeri, storica vj e giornalista musicale che presenterà il suo ultimo libro il 12 maggio in via Italia e Nada che il 19 maggio salirà sul palco del Chiostro di San Sebastiano per un concerto acustico che non mancherà di emozionare. L'evento continuerà domenica 20 maggio con la consueta mostra/mercato di dischi in vinile, affiancata da una serie di eventi musicali con due band locali entrambe capitanate da donne molto particolari.

L'APPUNTAMENTO CULTURALE – Un grande momento in cui ascoltare le storie rock di una delle più importanti conduttrici televisive e radiofoniche che ci siano (mai state) in Italia, attualmente conosciuta per essere una delle voci più importanti e carismatiche di Virgin Radio Italia. Il 12 maggio alle 18, appuntamento in via Italia, angolo via Gustavo di Valdengo con Paola Maugeri che presenterà il suo libro «Rock e resilienza». Paola nella sua lunga carriera ha incontrato e intervistato molti dei maggiori protagonisti del rock e racconta come questi personaggi idolatrati e ammirati in tutto il mondo, non siano semidei moderni ma persone normali che cercano nella musica la forza per ottenere risultati straordinari, spesso sfidando i propri limiti. E se ci sono riusciti loro, possiamo farlo anche noi, attingendo alla nostra innata capacità di resistere alle prove che la vita ci sottopone, trasformando la fatica e il dolore in energia positiva: mettendo in pratica la resilienza. «L'evento è frutto di una sinergia tra realtà biellesi, un bell'esempio di come a Biella si cominci a collaborare in modo costruttivo – spiega l'organizzatore Stefano Minola – infatti Microsolchi ha collaborato con la storica Libreria Vittorio Giovannacci e la rassegna di eventi in centro Fuoriluogo per far si che Paola Maugeri arrivasse in città».

IL CONCERTO DI PUNTA – Sabato 19 maggio invece, appuntamento alle 21 al Chiostro di San Sebastiano con il live di Nada. «Abbiamo fortemente voluto Nada non soltanto per il suo percorso artistico storico ma soprattutto perchè è un'artista in continua evoluzione – spiega Stefano Minola titolare di Cigna Dischi e organizzatore della rassegna – Nada è tutt'ora una delle più importanti musiciste del panorama italiano che collabora con artisti giovani e presto registrerà un nuovo disco». La cantante toscana non ha davvero bisogno di presentazioni ma vale la pena ricordare qualche suo successo: debutta giovanissima al Festival di Sanremo 1969, con la canzone «Ma che freddo fa» e solamente due anni più tardi vince la competizione della città dei fiori con «Il cuore è uno zingaro». E’ una delle protagoniste della canzone italiana, dapprima come interprete originale e carismatica e successivamente come cantautrice, quando all’inizio degli anni '80 inizia a scrivere lei stessa musiche e testi. Tra le sue collaborazioni, in questa seconda parte di carriera, da segnalare quelle con Piero Ciampi, la Piccola Orchestra Avion Travel, Mauro Pagani, Paolo Conte. La più recente fase di carriera la vede avvicinarsi ad atmosfere più rock e conquistare nuovo pubblico, anche attarverso collaborazioni con nomi storici del rock nostrano e non, quali John Parish, Massimo Zamboni (chitarrista di CCCP e CSI), Zen Circus, A Toys Orchestra, Enrico Gabrielli. Il suo repertorio, continuamente rinnovato, è composto dai classici degli esordi e da nuovi brani che hanno attirato l’attenzione delle nuove generazioni di appassionati per la loro freschezza e immediatezza, consentendole una seconda giovinezza artistica che l’ha portata a nuovi tour e successi di pubblico in tutta Italia. A Microsolchi 2018 porta il suo progetto acustico, in coppia con il chitarrista Andrea Mucciarelli, in cui rilegge in chiave più intima le pagine più significative del suo repertorio e alcuni pezzi di altri artisti.

LA MOSTRA MERCATO - Domenica 20 Maggio, dalle 10 alle 18, l'ormai consueto appuntamento al Chiostro di San Sebastiano con la mostra mercato di dischi in vinile «Il mercato dei vinili – spiega Stefano Minola – è un modo per portare persone da fuori in città, grazie all'abitudine degli appassionati a spostarsi per cercare le occasioni più interessanti». Come nelle scorse edizioni, durante l'intera giornata di domenica il Chiostro sarà animato dai banchetti di espositori provenienti prevalentemente da Piemonte, Lombardia e Liguria, che esporranno e venderanno edizioni in vinile destinate a tutti gli appassionati musicali che parteciperanno all'evento. Il vinile sta (ri)diventando il supporto di riferimento per l'ascolto della musica per gli appassionati di tutto il mondo, da qui l'estremo interesse della giornata per chiunque ascolti la musica come qualcosa in più di un semplice passatempo... Durante la mattinata e nei momenti non coperti dai concerti live, due giradischi piazzati sul palco consentiranno a vari dj ed appassionati di fornire la colonna sonora, rigorosamente vinilica, alla giornata.

GLI ALTRI CONCERTI – Nel pomeriggio di domenica 20 maggio spazio alle novità musicali del territorio con l'apertura dei concerti alle 15.30 a cura dei ragazzi della Scuola di Musica Sonòria ed il loro tributo alle voci storiche del rock al femminile. Alle 16 il live di «Ninaì and the Red Cats», una giovane band caratterizzata da un sound solido e accattivante e che, con influenze reggae e soul, propone energici brani degli anni duemila. Capitanata da Veronica Pramaggiore, alias Ninaì, la band vede Marco Gallo alla chitarra, Walter Guabello al basso e Fabio Zorio alla batteria, ma prevede non di rado la presenza sul palco di ospiti e amici ad impreziosire il proprio suono. Alle 17 invece, sul palco gli Electric Ballroom. Un trio atipico (voce, chitarra e batteria), che fin dall’inizio ha avuto come genere di riferimento un blues energico e coinvolgente che ha attirato l’attenzione di addetti ai lavori e pubblico in modo crescente. Nel gennaio 2016 gli «Electric Ballroom» presentano il loro omonimo Ep e poco dopo esce «Golden Trigger», singolo registrato in studio in presa diretta. Di lì una lunga serie di date in giro per l’Italia, tra cui Blues Made In Italy, la rassegna blues più importante a livello nazionale. Gli «Electric Ballroom» sono: Filippo Sperotto (chitarra), Marco De Grandi (batteria) e Giulia Osservati (voce).