Tommaso Raspino: «Una grande soddisfazione? Vedere i ragazzi insieme in nome del basket»

Il campione di pallacanestro in forza prima a Biella e quest'anno al Gsa di Udine è da qualche anno testimonial del mini basket Cossato. Ecco cosa ci ha raccontato

BIELLA – E' testimonial del Mini Basket Cossato da qualche tempo Tommaso Raspino e a noi del Diario ha raccontato quali sono le soddisfazioni che si provano a trasmettere i propri insegnamenti ai più piccoli: «Le soddisfazioni più grandi le hai sicuramente dagli occhi dei bambini - spiega il campione quest'anno in forza al Gsa Udine – dal modo in cui ti guardano e ti sorridono perchè mi ricordano che una volta ero anche io quel bambino e fa davvero piacere».

I valori
Quello che Tommaso Raspino cerca di trasmettere sulla base della sua esperienza di giocatore sono semplici: «Al di là della mia esperienza, ci sono comunque insegnamenti che alla loro età non è ancora giusto dare. Io cerco di trasmettere loro la gioia per questo sport, la bellezza di stare insieme agli altri bambini, di condividere un obiettivo e il tempo passato in palestra». Il Mini Basket Cossato è guidato da Luciano D'Agostino che è stato allenatore anche di Tommaso. Una realtà che ha grandi obiettivi futuri: «Luciano ha guidato questa realtà per trent'anni e abbiamo perso il conto di quanti bambini sono passati sotto di lui. Sono sicuro che il primo obiettivo è dare continuità al progetto cercando di intervenire in modo capillare sul territorio e poi collaborare sicuramente con altre realtà come Pallacanestro Biella perchè sarebbe bello che ci fosse sempre sinergia tra tutte le società».

La stagione appena trascorsa
Quest'anno Raspino era in forza al Gsa di Udine ma il prossimo anno non farà più parte della squadra friulana: «Penso che le strade tra me e la Gsa si siano separate. A Udine ho fatto un bellissimo anno, sono soddisfatto di quello che abbiamo fatto. Ovviamente da sportivo e da agonista si vuole sempre fare meglio ma è stato un anno nel complesso positivo». Raspino da un 8 alla stagione appena trascorsa si aper il Gsa che per sé: «In questo anno mi sono trovato sicuramente maturato da tutti i punti di vista: come giocatore e come uomo». E in Friuli il cestista sembra essersi trovato benissimo: «Mi sono trovato bene a Udine perchè al di là del primo impatto che può essere subito ostico perchè è gente molto chiusa, una volta che apre il cuore lo apre veramente quindi ho lasciato parecchi amici lì».

Il futuro
E sugli obiettivi futuri Tommaso non ha dubbi: «Per i prossimo campionato spero mi poassa capitare di giovare in una squadra che abbia voglia di fare qualcosa di buono e di cercare di raggiungere un obiettivo importante per avere carica ed energia per affrontare l'anno. Voglio migliorarmi sia dal punto di vista tecnico che mentale».